Venezia la bella

Si, Venezia, di nuovo, di notte, di nuovo. Stavolta abbiamo preferito anticipare la gita, visto che più si va avanti più freddo fa. In realtà faceva fin troppo caldo, un po’ di nebbia è entrata, verso la fine purtroppo e l’ora è cambiata regalandoci ben 60 minuti in più di lunghe esposizioni. E già così le ore son volate, tra una chiacchiera e una foto, una birra e una foto, una grappa e una foto, son arrivate le 4.30 come niente. Infatti per prendere il treno ho dovuto correre, letteralmente, da Rialto alla stazione, e non è proprio poca cosa! Considerando la stanchezza e il peso dell’attrezzatura poi…
Ma ne è valsa la pena, e spero apprezzerete anche voi i miei piccoli sforzi. Un ringraziamento ai compari di avventura Cristian, Paolo e Roberto. Davvero una gran bella compagnia, cui rendo omaggio con questo scatto fatto sulla Riva degli Schiavoni dinanzi a San Giorgio, (che si vede dietro), nei dintorni del Ponte dei Sospiri.
Gruppo-venezianMa ora veniamo agli scatti veri e propri. La gita inizia, dopo un buon panino accompagnato da qualche birra, al ghetto ebraico, si snoda tra calle e callette varie, ricercate ovviamente a caso, fino a portarci all’obbligata tappa a Piazza San Marco. Da li, passando per la Riva degli Schiavoni, abbiamo deviato per la Fondamenta dell’Arsenal, ultima favolosa tappa di una nottata eccezionale!

Annunci

7 commenti su “Venezia la bella

    • A me piace sempre parlare di fotografia e vedo che lei ha argomentato approfonditamente il suo punto di vista, condivisibile o meno che sia! Farò senz’altro tesoro dei numerosi consigli dati. Ora magari mi faccia un esempio di cosa intede per “nuovo”, magari posso prendere spunto dai suoi lavori

      • Venezia di notte và vissuta; non fermarsi a magnà il panino; a piedi: da Dorsoduro a punta della Dogana; dall’Accademia a San Marco fino all’Arsenale. Da Cannaregio a Castello….
        Prova questi itinerari.
        I miei lavori non c’entrano nulla, cerca di ispirarti senza guardare il popolo bue.
        Troverai luoghi migliori da fotografare, un saluto.

      • Perdonami ma mi sento un pochettino preso per i fondelli…è una candid camera? Hai letto bene il mio post? Venezia di notte va vissuta, non fermarsi a magnà il panino…devo morire di fame? E chi ti dice che non l’ho vissuta? Ho fatto 2 nottate in un anno tra calle e canali, girando diversi posti in base alle scarse mie conoscenze della città e fotografando ciò che mi aggradava, punto. Mi consigli delle zone? Ci andrò sicuramente, ma alcune di queste le ho fatte, tipo l’arsenale…ce n’è 6 di foto di quella zona…le hai viste o eri già pronto alla polemica? Venezia a piedi, certo…che credi abbia fatto, volato? Bon, chiudo qui. Saluti

  1. Nella prima foto di gruppo, si intravvede la Basilica di San Giorgio Maggiore e non San Carlo…
    Ma forse mi sbaglio ed hai ragione tu.
    2 notti in un anno non sono tante; non accontentari di quello che hai fatto; prova e riprova continua a fotografare. La fotografia notturna non è facile.
    Risaluti.

    • Ti ringrazio della precisazione, mi confondo sempre tra San Carlo e San Giorgio.
      Quanto al fatto che 2 siano poche, si, forse è vero, ma non vivendo a Venezia non è così facile farsi nottate intere fuori…
      Comunque io non mi accontento mai, basta sfogliare un po’ questo blog…e credo che la fotografia in generale non sia facile, non solo quella notturna!
      Viva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...